newsgames - teoria dei games come notízie Blog do NewsGames Blog dos NewsGames: città Blog of the NewsGames
Busca
logo_news
Mostrando postagens com marcador città. Mostrar todas as postagens
Mostrando postagens com marcador città. Mostrar todas as postagens

9 de setembro de 2015

Prix ​​Ars Electronica 2015 - città, immigrazione, cittadinanza, newsgames

Da Geraldo Seabra
Con Luciene Santos
(Treviso - Italia)

Per un posto al sole ... Una frase persa nel tempo, qualsiasi frase pronunciata senza alcun contesto, una frase di speranza per un'umanità in franca decadenza. Detto nel presente contesto, che attraversa l'Europa, la stessa frase vincere qualche nesso sintetizzato nel tema Prix Electronica Festival 2015 - Post Città: habitat per il 21 ° secolo, o semplicemente un posto dove stare in città. Il destino delle coincidenze potrebbe essere visto come ironia se mai ve ne fosse tragico il fatto che un gran numero di immigrati siriani e non tanto siriani così rompere a piedi il confine tra l'Ungheria e l'Austria, paese che riceve ogni anno i cyber artisti di tutto il mondo, per esporre la città di Linz strutture e disegni moderni che possono servire da modello per le città del futuro.

Solo in questo anno, il festival di arte elettronica ricevuto 2.889 disegni provenienti da 75 paesi. Eppure sembra formula lontano di amore condiviso, quella che permette il reale e vera integrazione tra gli esseri umani di diverse nazionalità, senza entrare in barriere reali o virtuali semplicemente create da città per impedire che le persone possono mettere in atto un gesto comune dai tempi immemorabile: l'atto di raggiungere gli uni agli altri. Un gesto perso nel tempo che ci vuole ora un senso con l'immagine che correva ragazzo del mondo siriano Alyan Kurdi, solo 3 anni, morto in un naufragio e trovato morto sulla spiaggia di sabbia di Bodrum (Turchia).

Come molti altri, Kurdi ha anche cercato un posto al sole: forse il mare di speranza oggi è la Germania, dopo che la famiglia asilo politico negato da Canada. Soprattutto, il piccolo Kurdi era alla ricerca di un diritto alla vita, la cittadinanza prima della fine ... Tutto questo scenario il caos e di abbandono è un triste contrasto con la piacevole atmosfera multiculturale incarnata al Prix Ars Electronica. Creato nel 1987, il festival è uno dei premi più prestigiosi nel campo della sperimentazione artistica e universo ricerca tecnologica. Tuttavia, dopo quasi 30 anni dal lancio dei primi spettacoli, la maggior parte delle città (piccole e grandi città) deve ancora invertire sia la conoscenza e la tecnologia a vantaggio dei comuni cittadini, come proposto dai NewsGames teoria - giochi come informazioni emulatori ( blogdonewsgames.blogspot.it)

Temi come l'immigrazione e la cittadinanza non sono ancora parte dell'agenda dei paesi dell'Europa centrale da ridurre al minimo la nuova ondata di immigrazione di massa che devasta il vecchio sogno europeo. Come i giochi sono ancora 'demonizzati' proprio perché sono i giochi, li usano come piattaforma il dibattito pubblico su questioni all'ordine del giorno è stato ancora qualcosa riservato all'universo di festival d'arte informatici. Per la Bittanti Matteo italiano, 29 anni, considerato il guru del gioco in Italia (il suo blog è mbf.blogs.com/mbf/ mentre il sito è www.mattscape.com), la 'condivisione' è il modus operandi della cultura digitale.

Perché non applicare lo stesso concetto alla realtà amministrative delle città, al fine di beneficiare la gente comune, in particolare quelli svantaggiati dalle cosiddette politiche sociali? Dopo tutto, come detto Bittanti, il Spacewar! (1962) The Sims 2 (2004), la storia del gioco è fondamentalmente la storia di un progetto di condividere la conoscenza. Professore di Milano IULM dell'Istituto condanna la tesi che il videogioco è espressione indolente, cioè culturalmente trascurabile. Secondo lui, 'tecno-cultura è un luogo comune che deve essere ripudiato da tutti'.

Autore di diversi libri (l'ultimo dei Sims), Bittanti avviato nel progetto 2003 Ludologica (www.ludologica.com), nel tentativo di elevare i giochi allo stato delle informazioni e piattaforma di conoscenza. A tal fine, coordina il primo Master in Video Game Design presso l'Istituto Europeo di Design. Dal punto di vista di cyber attivismo, la memoria del Prix Ars Electronica per gli avventurieri futuri politica culturale rimane nostrane, un modello di come organizzare istituto artistico e scientifico che si preoccupa per la ricerca e la sperimentazione nel campo delle arti iper-media.

D'altra parte dobbiamo ricordare che il premio è solo una piccola parte del complesso di attività che ruotano intorno all'istituzione che ospita il festival. L'evento è ancora in un museo dedicato alla biotecnologia, l'ingegneria genetica e la neurologia, la robotica e media art; un festival internazionale. Inoltre dispone di un laboratorio di ricerca e sviluppo, Futurlab, attorno al quale artisti e scienziati si confrontano ogni giorno per sviluppare idee innovative nei media, architettura, design, arte e computer grafica interattiva.

Nonostante le critiche in campo sociale, il premio creato dal Prix Ars Electronica è stato un trampolino di lancio per opere che hanno ridisegnato il nostro uso della tecnologia, dal Wikipedia al sistema operativo Linux fino le innovative del Creative Commons. Come possiamo vedere, il festival si è sempre distinta per l'alta qualità da una rigorosa selezione di opere di artisti e scienziati provenienti da tutto il pianeta blu. Tuttavia, Houston, abbiamo ancora un gran problema ...