newsgames - teoria dei games come notízie Blog do NewsGames Blog dos NewsGames: brasile Blog of the NewsGames
Busca
logo_news
Mostrando postagens com marcador brasile. Mostrar todas as postagens
Mostrando postagens com marcador brasile. Mostrar todas as postagens

21 de outubro de 2017

NewsGames: algorithmizing rappresentazione e pubblica amministrazione

 

Mentre guidavo Uber, ho avuto una idea di mescolare la musica ‘Miss You’ (Carla Bruni), con il video ontologico protagonizato per Antonio Banderas, nel film "Ti va di ballare". Ma cosa ha Tango, Rock 'n roll, Carla Bruni, Rolling Stones,  Antonio Banderas? Niente e Tutto! Esempi di miscelazione servono quindi come ispirazione per la comprensione di altre colture sociali, come Newsgames come rappresentazione e pubblica amministrazione attraverso di algoritmi programmabili. Nel Brasile, la goccia d'acqua del regime rappresentativo è stata la decisione infame della Corte Suprema brasiliana di trasmettere la decisione di privare i politici del loro mandato ai membri del legislativo, che ha mantenuto il mandato del ‘senatore’ Aécio Neves, accusato di corruzione da parte della polizia federale e dalla Procura della Repubblica brasiliana. Allo stesso tempo, la decisione della Corte Suprema brasiliana ha finito per liberare il ‘nobile’ senatore del carcere. In questo episodio, La Corte Suprema lavò le mani per relativizzare il concetto di democrazia. Nei suoi studi, il teorico Arent Lijphart porta, nella sua valutazione  circa 36 democrazie, um lavoro di analisi comparativa di due modelli: il maggiore (Westminster) ed il consensuali. Per lui, la differenziazione fondamentale dei due modelli deriva dalla definizione più fondamentale della democrazia: "Governo da parte del popolo,  o nel caso di democrazia rappresentativa, governo da parte dei rappresentanti del popolo - e anche dalla famosa frase di Abraham Lincoln secondo la quale la democrazia significa governo, non solo dal popolo, ma anche per il popolo - cioè: governo secondo la preferenza popolare "(Lijphart, 2003, p. 17). In pratica, il modello di Westminster non può sopportare più. Con la caduta virtuale del regime di rappresentazione in varie parti del mondo, apre la porta della temuta Matrix - dove l'algoritmo sostituisce invece i rappresentanti politici ed i giudici. Da Newsgames, i giochi di rappresentanza e di pubblica governance sovvertono due stati di diritto allo stesso tempo: lo stato dei politici e gli stati dei giudici. In questo nuovo sistema di governo, la tradizionale democrazia rappresentativa dà spazio a una democrazia mediata da algoritmi, in cui l'interazione dei cittadini con il mondo delle leggi viene fatta direttamente, in tempo reale. Come in Svizzera, tutte le proposte di legge sono svolte da referendum, mediate da consigli di notabili precedentemente scelti dalla società. Nel caso di Matrix, questa interazione avviene giocabile. In cambio, i cittadini ottengono punti sociali come nella serie di TV  ‘Black Mirror’.

Basta cliccare sul link per inviare donazioni per lo sviluppo delle nostre ricerche e applicazioni relative ai NewsGames.

23 de junho de 2017

NewsGames, perché libro 1984 del britannico George Orwell aveva ragione V

Abbiamo raggiunto la fine di questa serie di cinque posti sugli effetti positivi e nocivi del big data. Negli elezioni del 2012, Obama (con l'aiuto di grandi imprenditori) ha pagato milioni di dollari per sviluppare un database di 16 milioni di elettori indecisi: 16 milioni di profili con dati diversi: tweet, post di Facebook, dove vivono, cosa guardavano in TV. Da lì ha iniziato il più grande gioco di cattura online degli elettori nella storia americana. Ma non era uno di quei giochi perde e guadagna, ma un gioco di gatto e topollino', e alla fine Obama ha ottenuto il meglio. Come? Quando la squadra di campagna conosceva le preferenze di ogni elettore. Se un amico di Facebook ha abbronzato la campagna di Obama, la squadra avrebbe accesso alla pagina di quell'amico e passava ed inviava messaggi automatici. È qui che Resident Evil emerge dagli attuali momenti della società americana e si è già diffuso al resto del mondo. Tenendo gli elettori indecisi in una sorta di trappola virtuale, gli agenti della campagna di marketing online di Obama hanno saputo cambiare l'opinione dell'80% delle persone raggiunte in questo modo. Con questo, Obama ha vinto le elezioni. È come un lavaggio del cervello: non hanno mostrato al pubblico i dati nascosti dietro le informazioni pertinenti, solo quello che volevano che gli elettori sapessero. Siamo in un processo che l'economista austroamericano, Joseph Schumpeter, classifica come ‘Distruzione Creativa’. Secondo Martin Hilbert, non avremo nessuna creatività, perché non esiste alcuna proposta su come farlo diversamente. E peggio, né interesse politico nella cultura della creatività. Vediamo, l'approvazione della legge brasiliana che praticamente decreta la fine dell'applicazione Uber in Brasile, privilegiando il servizio del vecchio taxi ed obsoleto. Infatti, ogni città brasiliana ha un rappresentante dei tassisti nel Congresso Nazionale, che mostra la forza politica e la lobby sproporzionata di una categoria che ottiene dai politici ciò che la maggioranza della popolazione non può nemmeno raggiungere: privilegi senza controparti sociali. Se i politici brasiliani si sono abituati a sempre aggrapparsi alla stessa strada di distruzione creativa per mantenere vecchi privilegi, cosa aspettarsi dal futuro tecnologico del Brasile e delle sue aziende, a fronte degli impatti previsti dell'avvento della consegna del prodotto online attraverso di droni? Molto poco... Dopo tutto, oltre 30 mila autorità brasiliane hanno ancora un forum speciale, come se fossero cittadini al di sopra del bene e del male. Come affermato da Albert Einstein, mentre l'universo è formattato da leggi della Matematica, la politica viene effettuata dalla mera occasione di circostanze. Per cambiare la realtà, è necessario fare una politica basata sull'algoritmazione delle scienze politico-sociali. Cioè, matematizzare, attraverso le associazioni algoritmici emulati tramite base di big dati, azione sociale più efficace nella sfera politica. Forse, però, finalmente entriamo nel secolo XXI. Forse lo Stato americano della Louisiana sia un esempio da seguire, trascurando la vecchia divisione politica dello Stato quando preferisce adottare le comunità come una forma di admmnistrazione pubblica. Tuttavia, se nessuna tecnologia è tecnologicamente determinata e sempre costruita socialmente, c'è ancora spazio per creare un nuovo mondo in cui né le società né i politici usano deliberatamente i nostri dati contro di noi. Per la nostra parte abbiamo sempre scommesso su NewsGames come strumento sociale di confronto ed incrocio di informazione con cui possiamo capire il nostro contesto sociale per cambiare la nostra realtà. Aggiungi a questa potente struttura cognitiva la più recente professione che associa giornalisti e avvocati: i Defenders Public Players. Se credi anche in questo progetto, unisciti a noi. Godetevi, condividi e donatevi adesso per sviluppare nuovi paradigmi sociali, culturali e politici. Non credere che il sogno sia finito quando la Radio Rock si affondò nel Mare Atlantico settentrionale negli anni '60. Se il contenuto libertino della più famosa radio pirata d'Inghilterra non piace il più puritanico degli inglesi, il suo spirito innovativo rimane vivo nei cuori di coloro che credono ancora in un’Inghilterra ancora più aperta e multiculturale per le notizie che vengono fuori dei suoi vecchi confini culturali e politiche. Diverso da quello che dice la musica di Caetano Veloso, non va bene adesso andare senza fazzoletto e senza documento da nessuna parte...

26 de novembro de 2015

Quando la pubblica ammnistrazione si predispone a giocare NewsGames

La legge è di 2014, ma una città italiana della Provincia di Novara ha deciso di uscire in anticipo. È il prima pubblica amministrazione dell'Italia a mettere in pratica la cosiddetta 'Baratto Amministrativo' (in inglese, administrative exchange). L'iniziativa consente ai cittadini comuni possono abbassare le tasse dovute in cambio di lavoro comunitario nella pubblica amministrazione. Questo tipo di scambio tra il governo locale e il cittadino medio è una forma di integrazione sociale proposta dalla Teoria dei NewsGames. Che comporti o no soldi, l'idea è parte della narrazione dei giochi come emulatori d'informazione e notizie. Nel suo gameplay, il governo agisce come un agente sociale, che lavora anche come un giocatore all'interno del gioco.

Invorio é un piccolo centro di 4.500 abitanti nella provincia di Novara. È stato il primo Comune italiano a utilizzare lo strumento previsto dal decreto «Sblocca Italia» approvato esattamente un anno fa. La legge di riferimento è la numero 164 del 2014. All’articolo 24 prevede, per i contribuenti che non possono permettersi di pagare le imposte, «misure di agevolazione della partecipazione nelle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione del territorio». Tradotto dal burocratese: chi non può pagare le tasse comunali può barattarle con lavori al verde pubblico e all’arredo urbano. Le imposte vengono cancellate in cambio di cestini svuotati e di strade più pulite.  

Dalla Teoria dei NewsGames, proposta da Geraldo A. Seabra e Luciene A. Santos, cittadini, amministrazione pubblica e gli sponsor del gioco possono e dovrebbero agire come giocatori per la soluzione comunitaria dei problemi sociali comuni. In Brasile un'altra iniziativa mette interessi della comunità in primo piano. Un imprenditore dalla città di Goiania ha deciso d'aderire all'idea di Frigorifero Solidale, che garantisce cibo sano per coloro che non possono permettersi di acquistarlo. La novità è già parte della realtà di alcuni paesi europei, come Portogallo. Come una rondine non fa estate, cosa ancora manca affinchè l'idea del frigorifero solidale  riesce ottenere anche adepti nella pubblica amministrazione e afianco ad altri imprenditori locali? Creare un gameplay comunitario in cui tutti possono partecipare alla risoluzione di problemi comuni. Legge la verzione in Portoghese su Google +.

Nel nostro blog abbiamo a disposizione del pubblico una sezione per le donazionie gli investimenti per ulteriori ricerche e la realizzazione di applicazioni mirate a giochi come notizie.


15 de novembro de 2015

Quando si scrive per il male danneggia anche la Teoria dei NewsGames

‘Eu ando tão nervoso pra te escrever
Os versos mais profundos
Eu roço no seu braço e passo sem mexer
Feliz por um segundo
É sempre a mesma cena
Só te ver no corredor
Esqueço do meu texto
Eu fracasso como ator
Só dou vexame
Fico olhando pros seus peitos
Escorrego na escada,
Acho que assim não vai dar jeito
Educação Sentimental
Eu li um anúncio no jornal
Ninguém vai resistir
Se eu usar os meus poderes para o mal...’

Il tratto è la canzone 'Educação Sentimental' che fa parte del secondo LP della band brasiliana Kid Abelha, uscito nel 1985. Trenta anni dopo, scrivere un semplice testo di amore è diventata una questione di polizia. I nuovi attacchi alla città di Parigi hanno rivelato che scrivere per qualcuno che vogliamo bene può diventare una questione di politica internazionale, tutto perché alcuni di noi ancora avevamo bisogno di usare nostri poteri per il male.

In conferenza stampa, il ministro degli Interni belga Jan Jambon, ha detto che i membri dell’Isis coinvolti negli attentati di Parigi userebbero per comunicare fra loro non solo computer e smartphone, ma sempre più spesso anche console per videogiochi, e soprattutto la PlayStation 4, che sfuggirebbe ai mezzi di controllo dell’intelligence belga. ‘La PlayStation4 è ancora più difficile da intercettare di WhatsApp’ , ha detto il ministro.  

Nella cronica firmata da Bruno Ruffilli (La Stampa), la piattaforma PSN di Sony consente di inviare messaggi di testo e vocali, ma anche immagini e video. Funziona sia per le comunicazioni uno a uno, che per quelle di gruppo (la funzione “Party”): utile per coordinare gli attacchi e le azioni in titoli come Destiny, ad esempio, dove si gioca in squadre. Si possono condividere anche foto, perché l’app della console ha un corrispettivo per smartphone, sia iPhone che Android.

La usano migliaia e migliaia di giocatori ogni giorno e pure la Xbox One ha la sua chat, molto simile ma ovviamente non compatibile. Nel Regno Unito, usare Whatsapp, Snapchat, iMessage potrebbero essere dichiarati illegali. Lo ha detto ieri il primo ministro britannico DavidCameron, in uno dei primi appuntamenti della campagna elettorale per le elezioni che si terranno in maggio.

Cameron ha spiegato che se dovesse essere rieletto, il suo governo metterà al bando gli strumenti che permettono di comunicare in maniera criptata, perché potrebbero essere utilizzati da gruppi terroristici per organizzare i loro movimenti. Molte app di messaggistica, infatti, adottano ora sistemi che non consentono a terzi di intercettare le conversazioni online: Apple, ad esempio, ha più volte spiegato di non poter leggere i messaggi di iMessage, mentre da qualche mese Whatsapp ha introdotto un algoritmo che codifica i testi quando vengono composti sul dispositivo del mittente e li rende di nuovo comprensibili solo quando arrivano al destinatario. 

Quello che Cameron chiede è una backdoor, una porta di servizio delle app e dei servizi di messaggistica, che dia accesso ai dati delle conversazioni in caso di sospetti di attività terroristica, per svolgere attività di prevenzione e fornire informazioni ai servizi di intelligence. La proposta fa parte di un nuovo quadro legislativo che obbligherebbe gli operatori telefonici e i provider internet a raccogliere e conservare alcuni dati degli utenti. Riferendosi a servizi come WhatsApp, Snapchat, Telegram e altri.

Il problema è che la misura d'eccezione proposta dal governo britannico può inibire il buono cittadino di esprimere la loro indignazione e le proposte politiche, come prevede uno dei pilastri della Teoria dei NewsGames: usare i social network e canali di comunicazione dei giochi come strumento per scambio di informazioni tra giocatori. Se al giorno d'oggi scrivere una semplice lettera d'amore per Facebook è diventato un problema di Stato, torniamo ai giorni in cui Gesù scriveva nella sabbia e il virus del suo messaggio era le onde del mare ...

Nel nostro blog abbiamo a disposizione del pubblico una sezione per le donazionie gli investimenti per ulteriori ricerche e la realizzazione di applicazioni mirate a giochi come notizie.

12 de novembro de 2015

Libro brasiliano propone una nuova categorizzazione dei NewsGames

Un altro libro su NewsGames propone la categorizzazione dei giochi come emulatori di informazioni e notizie. Nel libro ‘Questões para um Jornalismo em Crise’ (Organizzato da Rogério Christofoletti), 20 autori brasiliani messi in discussione i problemi del giornalismo che dà segni di aver raggiunto il limite massimo. Ma nel capitolo 9, gli autori Ana Paula Bourscheid e Carlos Marciano accendono una luce alla fine del tunnel utilizzando come lampióne la ludicitá dei NewsGames. Intitolato ‘Dieci anni più tardi, come sono i NewsGames brasiliani’?, i nuovi navigatori della Galassia NewsGames mettono all'ordine del giorno delle categorie di NewsGames create da Bogost et al (2010) quando classifica i NewsGames per generi:

1. NewsGames di aggiornamenti: questa categoria ha una vicinanza temporale con il contenuto giornalistico al quale si riferisce;

2. NewsGames infographics: possono essere interattivi e anche giocabile. Il punto principale di questa categoria non sta nella spiegazione di una informazioni, ma nell'interazione con le informazioni. Da questo, gli autori criano tre suddivisioni per NewsGames nfographics: esplicativi; esplorativi e direzionàle;

3. NewsGames documentari: la categoria mira lungo il newsgame ricostruire un vero e proprio evento. Per gli autori "il giocatore di un gioco documentario non solo capirebbe i fatti ed i risultati di una storia, ma l'intero sistema che ha causato l'evento '(Bogost et al, 2010, p. 70, estratto tradotto).

4. NewsGames di raziocinio: un adattamento di giochi di puzzle, come crossword puzzles. Gli autori presentano l'esempio del crossword puzzle "Crickler32" dove per trovare le risposte necessarie è bisogno che il giocatore sia informato su ciò che è in gioco nei media;

5. NewsGames per l'alfabetizzazione: il sistema è collegato all'apprendimento della pratica giornalistica, orientata sia per gli studenti e professionisti come per i cittadini in generale;

6. NewsGames di Comunità: il più importante in questa categoria è la formazione di comunità collaborative di giocatori.

Nel testo, Bourscheid e mirati Marciano (2015) citano una ricerca condotta da me e giornalista Luciene A. Santos nel 2014, quando abbiamo detto che attraverso questa divisione se sta adottando quello che conosciamo come sezione di giornali stampati:

[...] dal punto di vista della forma, sembra incongruo suddividere la narrativa di NewsGames in categorie e sottocategorie, perché è una narrativa rivoluzionaria che rompe con tutti i modelli precedenti di produzione, circolazione e consumo di notizie (...) Per quanto riguarda il contenuto, la narrativa del NewsGames è orientata verso le informazioni e notizie segmentadas. Sono le notizie a tema che alimentano il gioco basato in notizie (...) Ogni proposta di newsgame deve risolvere un problema sociale, come l'istruzione, la politica e la salute. (Santos e SEABRA 2014, on-line).

Dopo aver valutato lo studio di Bogost e quella sostenuta da noi, gli autori Bourscheid e Marciano (2015) suggeriscono che nel caso di NewsGames brasiliani siano classificati in base ai generi giornalistici adottate nel paese. José Marques de Melo (2003) li classifica sulla base gli studi di Luiz Beltrão. "Beltrão suggerisce una separazione di generi in base alle funzioni svolte insieme al pubblico lettore: informare, spiegare e guidare" (MARQUES DE MELO, 2003, p. 60). L'autore presenta le tre categorie evidenziate da Beltrao:

1. Giornalismo Informativo, che ha la funzione di informare il pubblico;

2. Giornalismo Interpretativo, che si propone di spiegare la notizia;

3. Giornalismo opinionista, che cerca di guidare il pubblico. 

In base a questa classificazione, Bourscheid e Marciano (2015) sono in grado di categorizzare NewsGames prodotti dalla media nei seguenti generi:

1. Informative;

2. Interpretative;

3. Opinionista.

Secondo Bourscheid e Marciano (2015), quest'ultima categoria (NewsGames che esprime una opinione), esempi concreti sarebbe difficile da trovare, perché in Brasile la struttura del messaggio opinionista è: "[...] Co-guidati per variabili controllate delle istituzione giornalistica e che prende due caratteristiche: la paternità (che rilascia il parere) e l'angolazione (prospettiva temporale o spaziale che dà senso al parere) "(MARQUES DE MELO, 2003, p 65.). Questo genere di solito ha messo in evidenza l'editoriale dei mezzi di comunicazione.

Nonostante la proposta in oggetto, ancora continuiamo a difendere i NewsGames come un genere único del giornalismo infotainment totalmente non legato da una classificazione precedente. Dato che si tratta di una piattaforma orbitale attorno dalla quale possa circolare varie categorie e generi di vecchio giornalismo, ma che sono evidente quando quando gira nella velocità del caleidoscópio della rete sociale che è uno dei pilastri della Teoria di NewsGames. Nella Galassia del NewsGames, opinione, commento, articolo e le notizie sono parti delle stesse informazioni di base. 

Quando aggiungiamo il 'Playfulness immanente del mezzo' giornalismo di sala caratteristiche in linea proposta da Palacios (2001b) quest'ultima stavamo creando una nuova era per il giornalismo contemporaneoquest'ultima quest'ultima le vecchie strutture narrative che impediscono il decollo della NewsGames verso la sua vera piattaforma orbitale. Nel hall dalle caratteristiche del giornalismo on-line proposte da Palacios (2001b), stavamo creando una nuova era per il giornalismo contemporâneo, rompendo con le vecchie strutture narrative che impediscono il decollo del NewsGames verso la sua vera e propria piattaforma orbitale. 

Tuttavia, questo non è ancora una realtà, neanche nei NewsGames americani attuali, perché anche i giochi basati su notizie sono ancora collegati al gameplay di giochi come mero divertimento. Questa idea di un genere singolo può essere evidente solo quando cominciamo a creare NewsGames staccati dai vecchi giornali e videogiochi tradizionali. Come affermato da Castells "la rete è il messaggio '(2000). Tutto è insieme e miscelato. 

Dopo tutto non ci sono compartimentazione narrative in una società in rete che viaggia alla velocità della luce. Il browser ha eliminato ogni possibile categorizzazione fino alla linea di informazioni come sono stati utilizzati fin dall'epoca di Gutenberg, tale è la valanga informativa che ha fatto notizia quasi una notizia fantasma, una situazione che può essere invertito con l'arrivo della notizie 3D. Se riesco a credere che quello pastore che io ho trovato perso in città, c'è davvero qualcosa di vero nella saggezza in mezzo alla folla di consigli ... Questo articolo può essere visualizzato in Portoghese su Google +.

Nel nostro blog abbiamo a disposizione del pubblico una sezione per le donazionie gli investimenti per ulteriori ricerche e la realizzazione di applicazioni mirate a giochi come notizie.




17 de agosto de 2013

La narrativa dei NewsGames e la reinvenzione della democrazia postmoderna

La Norvegia è la prima collocata nel Democracy Index da una serie di responsabilità sociale che vengono adottate dalla maggioranza della sua popolazione. Ma, il Brasile occupa la 45 ª posizione nella stessa classifica, perché la maggior parte dei brasiliani ancora non soddisfano gli obiettivi che influenzano il tasso di una vera democrazia. Per una vera democrazia, siamo tutti corresponsabili! Del greco (demo + kratos), la democrazia è un sistema di governo in cui il potere di prendere decisioni politiche sarebbe nelle 'mani' delle persone (cittadini) sotto, direttamente o indirettamente, attraverso rappresentanti eletti. Una democrazia può esistere in un sistema presidenziale, parlamentare, monarchia costituzionale e repubblicana. Dal 2006, la rivista britannica The Economist valuta il grado di democrazia in 167 paesi attraverso cinque criteri generali: processo elettorale e pluralismo, libertà civili, funzionamento del governo, partecipazione politica e di cultura politica. Con note che vanno di 0-10, le nazioni sono classificate come democrazie piene, democrazie imperfette, regimi ibridi (tutti considerati democrazie) ei regimi autoritari (considerati dittatoriale). Legge più in Portoghese.